Download ACAB by Carlo Bonini PDF

By Carlo Bonini

"ACAB". All police officers Are Bastards. Il chorus di un celebre motivo epidermis anni Settanta diventa richiamo universale alla guerra nelle città, nelle strade. Michelangelo, "Drago" e "lo Sciatto" sono tre "celerini bastardi". Sono odiati e hanno imparato a odiare. Basta leggere l'impressionante e inedita chat del loro reparto according to capirlo. Cresciuti nel culto della destra fascista, si scoprono disillusi al termine di una parabola di violenza che è los angeles loro "educazione sentimentale". Nella narrazione di Bonini si svela, attraverso l'occhio e il linguaggio degli "sbirri" e una lunga inchiesta sul campo, los angeles trama occulta dei più sconcertanti episodi di violenza urbana accaduti in Italia negli ultimi due anni. Che collega in un ritmo serrato e una scrittura emozionante episodi accaduti in tempi e luoghi diversi come l'assalto militare degli ultras a una caserma di Roma e los angeles caccia al romeno nelle periferie, i Cpt in keeping with immigrati clandestini e gli scontri della discarica di Pianura. los angeles catena dell'odio e delle impunità.

Show description

Read Online or Download ACAB PDF

Similar italian_1 books

Extra resources for ACAB

Example text

Livio, Storie, VI, 18. P. DA BARI Mai pentirsi di quel che si è fatto, se la ragione è la pulizia della sporcizia. Sono pronto a mostrare il petto e non voglio essere bendato. Ma tu hai il coraggio di guardarmi negli occhi? E che cazzo, mostra ai più di essere uomo. Barcollo ma non mollo. Clic. Ora bisognava soltanto aspettare. Incuriositi dal fracasso, i poveri agnelli si sarebbero fatti avanti. E i lupi li avrebbero fatti a pezzi. Drago rinfrescò la chat una, due volte. Clic. S. DA NUORO Vivere in uno Stato democratico, al quale spero di appartenere, vuol dire anche ammettere i propri errori (orrori) e se il caso pentirsi.

La percezione del pericolo, che per reazione chimica si trasforma da paura in coraggio. Via... Carica... lo scontro diventa fisico. Un turbinio di emozioni ti pervade. Colpi dati, colpi presi. Non senti più nulla, ormai. Continui a lottare e a respingere i violenti in qualsiasi modo. E in quel frangente stai godendo di tutto ciò!!! In quel momento, e solo in quel momento, potrai capire di amare il lavoro che stai facendo, la missione. Perché tale è l'istinto da guerriero che contraddistingue il celerino dal resto.

Cpt La porta carraia della Stefano Gelsomini si era spalancata. Cominciava ad albeggiare. – Ciao, Drago. – Ciao un cazzo. Al saluto del piantone, non aveva saputo rispondere in altro modo. Forse per le tre ore di sonno. Forse per la montagna di sigarette che si era già fumato e gli rendevano insopportabile il fiele che sentiva in bocca. Forse per il veleno che la chat gli aveva pompato nel sangue. S'infilò dritto nell'accogliente squallore della sala ricreazione. Un immenso open-space disadorno.

Download PDF sample

Rated 4.67 of 5 – based on 12 votes